Psicogenealogia e Costellazioni familiari

L’albero genealogico ci fa essere quello che egli vuole a scapito della nostra Anima, ma la creatività ci dona la possibilità di volare verso Noi Stessi per diventare quello che vogliamo.

La psicogenealogia studia la famiglia come un organismo vivente in cui ogni membro è collegato a tutti gli altri. Viene chiamata psicologia transgenerazionale perché studia la psiche della famiglia. Essa è un sistema in cui tutti i membri sono connessi tra loro, vivi e morti, e gli eventi che accadono alla famiglia influenzano “il carattere del gruppo familiare”, ovvero danno a quella famiglia una “forma” specifica, un pò come le nostre abitudini, scelte, emozioni ecc. ci danno l’aspetto che ci contraddistingue. Una famiglia quindi può avere, ad esempio, un determinato carattere o aspetto e questo influenza e costituisce tutti i membri che ne appartengono. Ma il sistema famiglia a cui apparteniamo ci influenza anche facendo accadere malattie o salute, sfortune o successi, celibati o matrimoni, sesso dei nascituri, scelte dei lavori, in pratica crea il nostro destino.

L’influenza avviene attraverso due elementi: la genetica e la risonanza morfica. La genetica è la trasmissione dei geni da genitori a figli, mentre la risonanza morfica è la trasmissione di informazioni attraverso “campi psichici invisibili”. Questi campi sono come una mente di gruppo in cui è registrato tutto quello che è accaduto nella famiglia, una sorta di memoria collettiva familiare in cui è presente tutto quello che è successo e soprattutto è presente il modo con cui i membri del gruppo hanno reagito a quello che è accaduto.

Ogni sistema familiare, cosi come ogni organismo vivente, ha l’istinto di sopravvivere e per farlo deve mantenere la conformazione che la contraddistingue per cui ispirerà i membri appartenenti a comportarsi come si sono comportati tutti gli altri membri che sono succeduti (gli avi) affinché tutto resti uguale nel tempo…

Lo schema porta a trascurare l’individualità del singolo ovvero quello che l’individuo sente come sue aspirazioni, i suoi bisogni, i suoi talenti in pratica quello che vuole l’anima viene favorito dai bisogni e dagli obiettivi della famiglia come sistema ripetitivo e riproduttivo di memorie. Ciò che manifesta il sistema familiare morfico è che ogni membro “immoli” la sua missione personale sull’altare della famiglia.

Il condizionamento avviene inconsciamente, tuttavia si percepisce intuitivamente che qualcosa non va, non siamo felici, non ci sentiamo al nostro posto, i desideri del Cuore sono manipolati, avvertiamo questa sensazione che ci fa sentire fuori rotta… Questo accade perchè viviamo portando avanti lo schema familiare anziché per realizzare noi stessi.
Inconsciamente lo schema non vale solo per la famiglia ma può essere anche vissuto per una religione, per uno stato, per un sistema economico, per un sistema medico, per un fanatismo, per un dogma.

Il primo passo per liberarci da un destino già scritto è quello di prendere Consapevolezza di chi siamo, conoscere le nostre radici e chiederci se quello che facciamo lo ha scelto la nostra Anima o lo ha scelto l’albero genealogico. Se siamo pronti a slegarci dal destino familiare occorre lavorare per liberarci attraverso strategie adatte. Questo è un passaggio estremamente delicato e solo chi ha Coraggio e Volontà può intraprenderlo perché significa diventare Se Stessi, significa materializzare la propria Anima e lo si può realizzare solo ed esclusivamente con l’Amore e la Consapevolezza e la Visione degli schemi.